top of page
sfondoTavola disegno 1 copia 3-100.jpg

PAGELLE 

CREMONA ZAPPA

MALDIFASSI 6,5
MAGGINI E. 6
CAROTENUTO 6,5
BRUZZONE 8:
per lui ormai sono finiti tutti gli aggettivi. Lucchetto preciso e puntuale dietro, goleador improvvisato e cinico all'occorrenza, risolve una partita rivelatasi ben più complicata del previsto per il Cremona
SPINELLI 7: finché rimane in campo la fascia sinistra non conosce altri padroni. Da una sua sgasata nasce l'azione che porta al rigore del pareggio, e i suoi traversoni tagliato mettono sempre in difficoltà la retroguardia manzoniana.
MONDINI 7: altra grande prova del numero 6, che a dispetto di un moto perpetuo non disperde le energie, rimanendo sempre tranquillo e pulito nelle giocate.
MAGGINI D. 7,5: ancor più che in costruzione, dove muove come al solito i fili della partita, si fa apprezzare ulteriormente nell'inquantificabile lavoro sporco che offre in mediana, tra rincorse all'indietro, palloni intercettati e tante botte incassate.
BONATO 6,5
FERRANDO 6,5
BARONI 6,5:
forse un po' troppo sprecone sotto porta, suo malgrado contribuisce a rendere aperto il match. Dal dischetto però non trema, realizzando il rigore (che lui stesso procurato) che fa passare la paura al Cremona.
BAGGIO 5,5

(Subentrati: BIANCHI 6
LIGU 6)

 

MANZONI

M.CARBONE 8: dopo gli orrori del match contro il Cattaneo si congeda dal torneo con una prestazione da autentica saracinesca, sventando praticamente 4 gol fatti, e dando a tratti l'impressione di poter vincere la partita da solo (cosa più unica che rara per un portiere).
COZZI 5,5
CAVICCHIOLI 6:
si oppone al meglio delle proprie possibilità alle continue ondate degli arancioni, tenendo discretamente botta anche quando viene puntato in velocità.
RANIERI 6
SANTAMATO 5,5
PIZZOLI 7:
aveva faticato molto contro un centrocampo troppo più tecnico e organizzato rispetto a quello del Manzoni, ma a fine primo tempo intravede un raggio di luce apparentemente impensabile, spedendo all'incrocio un destro da oltre 20 metri. È forse il più bel gol del torneo finora?
FUMAGALLI 5: quello di pivot davanti alla difesa è un ruolo decisamente troppo delicato, specie al cospetto di una squadra che in quella zona di campo ha i propri maggiori punti di forza, e non riesce a interpretarlo al meglio, girando spesso a vuoto.
L.CARBONE 5,5
VIVALDI 5,5
PALICI 5,5
GALLIZZIA 6:
in un tridente sacrificato sull'altare del difensivismo è l'unico a offrire qualche spunto degno di nota, seppur senza lasciare grosse tracce sul match.

(Subentrati: DI VALENTIN 5)

bottom of page