top of page
sfondoTavola disegno 1 copia 3-100.jpg

PAGELLE 

CARDUCCI

BUZZI 5:
non riesce a dare sicurezza al reparto difensivo, mostrandosi incerto nelle uscite, e risultando tutt'altro che impeccabile in 2 gol subiti su 4.
BENDO 5,5
STRADELLI 5,5
ZANICHELLI 5
FALCONE 6:
le cose migliori le fa vedere in fase di spinta, proponendosi costantemente in avanti e mettendo a più riprese in difficoltà i propri dirimpettai sulla fascia sinistra
ROSSI 6,5: mette in mostra un bagaglio tecnico molto completo, in cui c'è spazio anche per gli inserimenti in area di rigore, come quello che consente al Carducci di portarsi illusoriamente in vantaggio.
ASTOLFI 6
CORRENTE 5,5
CONZ 7:
parte con vivacità, ma all'inizio sembra mancargli brillantezza nelle scelte; tuttavia, dopo aver trasformato il rigore che lui stesso si era procurato, diventa sempre più incontenibile, tra dribbling secchi, pennellate mancine e giocate d'alta scuola. La sua prestazione meritava decisamente maggior fortuna.
BONI 6
CASTELLUCCI 4:
MVP in negativo della giornata. Sulla coscienza infatti non ha soltanto una colossale occasione sprecata a tu per tu con Lazzarin, ma anche e soprattutto la sciocca espulsione per un gestaccio rivolto ai tifosi avversari. Lasciando in inferiorità numerica i suoi, in vantaggio per 2-1, condanna di fatto la squadra alla rimonta del Pasolini.

(Subentrati: TOMASETTI 6,5)
 

PASOLINI

LAZZARIN 6,5:
vince il duello a distanza con il proprio collega Buzzi, e anche se a volte concede qualcosa dal punto di vista stilistico, non gli si può dire davvero nulla sul piano dell'efficacia.
ABDELNASER 5,5
FARAG 6
ROSINI 6
BONFANTINI 5:
purtroppo per lui trova un Conz un giornata di grazia, che lo mette ripetutamente alla berlina obbligandolo ad abbatterlo in piena area. Nella ripresa la situazione non cambia più di tanto, fino a una sostituzione quasi inevitabile.
ARDEMAGNI 6,5
PICI 7
BRAMBILLA 6,5
MARIOLI 7
BOUZID 7:
ci mette un po' ad accendersi, ma gli basta e avanza per lasciare il proprio graffio nel tabellino. Prima fa le prove generali, trovando la rete sugli sviluppi di una palla inattiva, con il Var che annulla per fallo di mano; poi, con una torsione perfetta, spedisce all'angolino il pallone più importante, ossia quello del ritrovato pareggio, che galvanizza il Pasolini consegnandogli di fatto i 3 punti.
ZAPPALA' 7: dopo una partita un po' in ombra, in cui non era apparso esattamente come il ritratto della freddezza, sceglie il momento migliore per colpire, sfruttando un'indecisione combinata di Zanichelli e Buzzi. I gol del resto, non vanno soltanto contati, ma pesati, e il suo è un vero e proprio macigno che di fatto seppellisce una gara folle.

(Subentrati: VERRONE 5,5)

bottom of page