top of page
sfondoTavola disegno 1 copia 3-100.jpg

PAGELLE 

DONATELLI PASCAL

BARONI 6
VENTURA 6
TARQUINI 6,5
SANTORO 7:
non sarà il più dotato tecnicamente della compagnia, ma poco importa alla luce di una prestazione da pitbull, in cui non si fa problemi a rischiare l'anticipo e ad andare a prendere in alto gli attaccanti biancorossi.
LANDOLINA 6,5
DONNOLA 5,5
CIOFFI 6,5
LASERRA 6
SALUZZI 8,5:
come la si descrive una prestazione come questa? Persino il gol che apre le danze, figlio di un aggancio di altissimo livello, passa quasi inosservato di fronte alla quantità industriale di giocate da mani nei capelli offerte con continuità per oltre un'ora.
LIGUORI 7,5: fin da subito temibile nel puntare l'uomo, pur risultando a volte un po' confusionario, porta di peso il Donatelli ai quarti con un'incornata da manuale su cui Mahara, appena entrato, non può nulla.
GIORGIO 6,5: lotta, pressa, suda ed apre spazi per i compagni, come quando propizia il gol di Saluzzi dopo pochi minuti. Sfrutta bene la propria fisicità.

(Subentrati: DANESE 6
MAESTRI 5,5
CALDERON 6
PRINCIVALLE 6
PLATANIA 7:
impiegato come arma dalla panchina, si rivela fin da subito una mossa azzeccata, spostando ulteriormente l'inerzia del match dalla parte del Donatelli. Il corner decisivo parte dal suo piede destro.
CASETTO 6,5)

 

VIRGILIO 

MIRARCHI 7: in un secondo tempo che assume gradualmente le fattezze dell'assedio è costretto a sporcarsi i guanti a più riprese, tenendo in piedi un Virgilio messo ormai all'angolo del ring. Sostituito in vista dei rigori, la mossa non paga.
DOSSENA 6,5: dalla sua parte il Donatelli non esonda quasi mai, preferendo sferrare la maggior parte degli attacchi sul lato opposto. Nonostante Rumori col passare dei minuti rientrasse sempre di meno, riesce ugualmente a fare una buona figura.
GAUDIO 6: partita strana da valutare la sua, in cui alterna qualche errore francamente evitabile ad interventi risolutivi. A tratti sembra esaltarsi nella difesa bassa in piena area di rigore.
CELLETTI 5,5
RUMORI 5,5
SPERA 5,5
BUGADA 6
DE CHIARA 6,5:
in un pomeriggio sciagurato per i vicecampioni della scorsa edizione, è tra i pochi a salvarsi. Il suo piede mancino è in grande spolvero, tant'è che il gol di De Botton nasce da una sua verticalizzazione immediata.
ROSSI 5,5
DE BOTTON 7:
la sua sola presenza è in grado di mettere in crisi la difesa bianconera, che ne soffre gli attacchi alla profondità e al contempo il gioco spalle alla porta. Freddo davanti a Baroni nel siglare il gol del pareggio, esce per infortunio, e il cammino del Virgilio sostanzialmente si interrompe in quel momento.
SALA 5,5

(Subentrati: MORETTI 5,5
FERRARI 6
RIZZO 5,5
DADDA 6
CIPOLLA s.v.
MAHARA s.v.)

bottom of page